Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Farmaexplorer.it

Acido Zoledronico per la prevenzione della perdita ossea nelle donne in postmenopausa con bassa massa ossea


Un gruppo di Ricercatori statunitensi ha valutato l’efficacia dell’Acido Zoledronico ( Aclasta ) nella prevenzione della perdita ossea in donne in postmenopausa con ridotta massa ossea.

In uno studio randomizzato, multicentrico, in doppio-cieco, placebo-controllato e della durata di 2 anni, donne in postmenopausa con basso valore della massa ossea sono state selezionate in maniera casuale per ricevere Acido Zoledronico per via endovenosa ( 5 mg ) al momento della randomizzazione e al mese 12 ( gruppo Acido Zoledronico 2 x 5 mg ), Acido Zoledronico per via endovenosa ( 5 mg ) solo alla randomizzazione ( Acido Zoledronico 1 x 5 mg ) o placebo alla randomizzazione e al mese 12 ( gruppo placebo ).

L’endpoint primario di efficacia era la percentuale di cambiamento nella densità minerale ossea della colonna lombare al mese 24 rispetto al basale.

Sia il regime a base di Acido Zoledronico 2 x 5 mg sia quello Acido Zoledronico 1 x 5 mg hanno aumentato la densità minerale ossea della colonna lombare al mese 24 (rispettivamente 5.18% e 4.42% rispetto a -1.32%; P
In modo simile, sono stati osservati aumenti maggiori per entrambi i regimi basati sull’Acido Zoledronico rispetto al placebo per la densità minerale ossea della colonna lombare al mese 12 e per quella ai siti femorali prossimali ( anca totale, collo del femore, trocantere ) ai mesi 12 e 24 ( P
Entrambi i regimi a base di Acido Zoledronico hanno ridotto in maniera significativa i marcatori di turnover osseo rispetto al placebo ( P
L’incidenza generale di eventi avversi e di eventi avversi gravi è risultata simile tra i gruppi di trattamento

In conclusione, sia una dose annuale sia una dose singola da 5 mg di Acido Zoledronico per via endovenosa sono in grado di prevenire la perdita ossea per 2 anni e sono ben tollerate nelle donne in postmenopausa con bassa massa ossea. ( Xagena2009 )

McClung M et al, Obstet Gynecol 2009; 114: 999-1007


Endo2009 Farma2009 Gyne2009


Indietro