Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Bifosfonati per la prevenzione delle fratture tra le donne in postmenopausa con osteoporosi


La decisione clinica di iniziare la terapia con bifosfonati per il trattamento dell'osteoporosi richiede il bilanciamento di danni e oneri a breve termine ( irritazione gastroesofagea o dolore muscoloscheletrico grave ) con benefici a lungo termine nella riduzione delle potenziali fratture.

È stato valutato il tempo al beneficio ( TTB ) della terapia con bifosfonati per la prevenzione delle fratture non-vertebrali e di altro tipo nelle donne in postmenopausa con osteoporosi.

Studi clinici randomizzati sono stati identificati da revisioni sistematiche commissionate dalla US Preventive Services Task Force ( 1 revisione ), dall'Agency for Healthcare Research and Quality ( 1 revisione ), dalla Cochrane Library ( 2 revisioni ) e dalla Endocrine Society ( 1 recensione ).

Gli studi selezionati hanno coinvolto donne in postmenopausa con una diagnosi di osteoporosi basata su fratture vertebrali esistenti o punteggi T di densità minerale ossea di -2.5 o inferiore.

Il processo di selezione si è concentrato sugli studi di Alendronato ( Fosamax ), Risedronato ( Actonel ) e Acido Zoledronico ( Aclasta ) perché sono agenti di prima linea raccomandati dalle linee guida per la riduzione delle fratture non-vertebrali.
Gli studi sono stati esclusi se non si concentravano su donne con una diagnosi primaria di osteoporosi, se non avevano un braccio placebo o se non avevano dati sul tempo alla frattura.

Sono stati stimati la riduzione del rischio assoluto ( ARR ) e il tempo al beneficio per ciascuno studio.

L'esito primario era il tempo a 3 diverse soglie di riduzione del rischio assoluto ( 0.002, 0.005 e 0.010 ) per la prima frattura non vertebrale.
Gli esiti secondari includevano il tempo a 4 soglie di riduzione del rischio assoluto ( 0.001, 0.002, 0.005 e 0.010 ) per frattura dell'anca, qualsiasi frattura clinica e frattura vertebrale clinica.

Dei 67 articoli identificati, 10 studi comprendenti 23.384 donne in postmenopausa con osteoporosi sono stati inclusi come studi originali o parte di analisi aggregate successivamente pubblicate. Tra gli studi, il numero di partecipanti variava da 994 a 7.765, con età media che andava da 63 anni a 74 anni e durata del follow-up che andava da 12 a 48 mesi.

La meta-analisi aggregata ha rilevato che erano necessari 12.4 mesi per evitare 1 frattura non vertebrale ogni 100 donne in postmenopausa che ricevevano una terapia con bifosfonati con una riduzione del rischio assoluto di 0.010.
Per prevenire 1 frattura dell'anca, 200 donne in postmenopausa con osteoporosi dovevano ricevere una terapia con bifosfonati per 20.3 mesi con una riduzione del rischio assoluto di 0.005.

Inoltre, 200 donne in postmenopausa con osteoporosi avevano bisogno di ricevere una terapia con bifosfonati per 12.1 mesi per evitare 1 frattura vertebrale clinica con una riduzione del rischio assoluto di 0.005.

Questa meta-analisi ha rilevato che il tempo al beneficio della terapia con bifosfonati era di 12.4 mesi per prevenire 1 frattura non-vertebrale ogni 100 donne in postmenopausa con osteoporosi. Questi risultati suggeriscono che la terapia con bifosfonati ha maggiori probabilità di avvantaggiare le donne in postmenopausa con osteoporosi che hanno un'aspettativa di vita superiore a 12.4 mesi. ( Xagena2022 )

Deardorff WJ et al, JAMA Intern Med 2022; 182: 33-41

Gyne2022 Endo2022 Farma2022



Indietro