Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Mediexplorer.it

Blosozumab, un anticorpo monoclonale contro la sclerostina nelle donne sane in postmenopausa


Sono stati condotti due studi clinici per valutare la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica e la farmacodinamica di dosi singole e multiple ( per via endovenosa [ iv ] e sottocutanea [ SC ] ) di Blosozumab nelle donne in postmenopausa, comprese le utilizzatrici precedenti o correnti di bifosfonati.

In questo studio di fase 1, randomizzato, controllato con placebo, in cieco, le donne hanno ricevuto dosi crescenti di Blosozumab: dosaggio singolo per via endovenosa fino a 750 mg, dosaggio singolo per via sottocutanea di 150 mg, dosaggi multipli per via endovenosa fino a 750 mg ogni 2 settimane ( Q2W ) per 8 settimane, dosaggi multipli per via sottocutanea fino a 270 mg Q2W per 8 settimane, oppure placebo.

Sei soggetti sono stati assegnati in maniera casuale a ciascuna dose nello studio a singolo dosaggio ( 12 sono stati assegnati al placebo ) e fino a 12 soggetti per ciascun braccio nello studio a dose multipla.

Blosozumab è risultato ben tollerato, con nessun problema di sicurezza individuato con le somministrazioni singole o multiple fino a 750 mg.

Risposte dose-dipendenti sono state osservate in sclerostina , propeptide N-terminale del procollagene di tipo 1, fosfatasi alcalina specifica del tessuto osseo, osteocalcina, frammento C-terminale del collagene di tipo 1, e densità minerale ossea ( BMD ) dopo singola e multipla ( fino a 5 ) somministrazione di Blosozumab.

Sono stati riscontrati cambiamenti fino a 3.41% ( p=0.002 ) e fino a 7.71% ( p inferiore a 0.001 ) dal basale nella densità minerale ossea della colonna lombare al giorno 85 dopo somministrazioni, rispettivamente, singole o multiple di Blosozumab.

Un impiego precedente di bifosfonati non ha esercitato un chiaro impatto sugli effetti di singole dosi di Blosozumab sui biomarcatori ossei e sulla densità minerale ossea.

Anticorpi anti-Blosozumab sono stati rilevati mediante un test di screening, ma non è stata identificata nessuna relazione alla dose o alla via di somministrazione, e non è emerso alcun impatto evidente sulla esposizione a Blosozumab o sulle risposte farmacodinamiche.

In sintesi, Blosozumab è risultato ben tollerato e ha esibito effetti anabolici sull'osso.
Questi risultati supportano ulteriori indagini su Blosozumab come potenziale terapia anabolica dell'osteoporosi. ( Xagena2013 )

McColm J et al, J Bone Miner Res 2013; Epub ahead of print

Endo2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro