Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Dermabase.it

Donne in postmenopausa trattate con la combinazione di Ormone Paratiroideo (1-84) e Ibandronato dimostrano differenti cambiamenti microstrutturali del radio vs tibia


Nelle donne in post-menopausa che assumono una combinazione di ormone paratiroideo ( PTH ) (1-84) e Ibandronato ( Boniva, Bonviva ), è stata valutata la microarchitettura ossea e biomeccanica utilizzando la tomografia computerizzata quantitativa periferica ad alta risoluzione ( HR-pQCT ).
I cambiamenti corticali e trabecolari sono risultati diversi in corrispondenza del radio non-portante rispetto alla tibia portante, con variazioni complessive più favorevoli alla tibia.

Il PTH (1-84 ) e i bifosfonati riducono il rischio di fratture nella osteoporosi postmenopausale, ma i loro effetti sulla microstruttura ossea e sulla resistenza non sono stati completamente caratterizzati, in particolare durante la terapia di combinazione.
Il PTH aumenta la densità minerale ossea trabecolare sostanzialmente, ma può diminuire la densità minerale ossea corticale, probabilmente stimolando il rimodellamento intracorticale.

È stata valutata la microarchitettura ossea e la biomeccanica con HR-pQCT a livello di radio ( un sito non portante ) e di tibia ( portante ) in donne in trattamento con PTH (1-84) e Ibandronato.

Le donne in postmenopausa con ridotta massa ossea ( n=43 ) sono state trattate per 6 mesi con PTH (1-84) ( 100 microg/die ), con un ciclo di 6 mesi o due cicli di 3 mesi, in combinazione con Ibandronato ( 150 mg/mese ) per 2 anni.

La tomografia computerizzata quantitativa periferica ad alta risoluzione è stata eseguita prima e dopo la terapia.

Poichè i cambiamenti nei parametri HR-pQCT non differivano tra i bracci di trattamento, i gruppi sono stati riuniti in un unico gruppo per l'analisi.

La densità minerale ossea trabecolare è aumentata sia nel radio sia nella tibia ( P minore di 0.01 per ciascuno ).

Lo spessore corticale e la densità minerale ossea sono diminuiti nel radio ( P minore di 0.01 ), in modo coerente con le variazioni della assorbimetria a raggi X a doppia energia, mentre questi parametri non sono cambiati nella tibia ( P minore o uguale a 0.02 per la differenza tra radio e tibia ).

Per contro, la porosità corticale è aumentata nella tibia ( P minore di 0.01 ) ma non nel radio.
La rigidità e l’insufficienza al carico si sono ridotte al radio ( P minore di 0.0001 ), ma non sono cambiate alla tibia.

In conclusione, i cambiamenti corticali e trabecolari in risposta alle combinazioni di PTH / Ibandronato utilizzate in questo studio, erano differenti al radio non-portante rispetto alla tibia portante, con variazioni complessive più favorevoli alla tibia.
I risultati supportano la possibilità che gli esercizi di carico possano ottimizzare gli effetti della terapia per l’osteoporosi. ( Xagena2013 )

Schafer AL et al, Osteoporos Int 2013; Epub ahead of print

Endo2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro