Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

L’uso dei beta-bloccanti è associato ad un ridotto rischio di fratture nei soggetti di mezza età ed anziani


E’ stata esaminata l’associazione tra l’uso di beta-bloccanti e l’incidenza di fratture in uno studio prospettico di popolazione, che ha coinvolto 1.793 persone tra i 55 e i 74 anni, che avevano preso parte ad una delle 3 indagini nella coorte MONICA Augsburg tra il 1984 ed il 1995.

I soggetti partivano da una situazione iniziale di assenza di fratture.

Durante un periodo osservazionale medio di 10,7 anni, si sono osservate 263 fratture.

Coloro che facevano uso di beta-bloccanti erano più anziani, mostravano una probabilità significativamente più alta di essere obesi, di non bere alcol, di avere ipertensione o diabete, di utilizzare i tiazidi o le statine, e di essere fisicamente inattivi.

L’uso di beta-bloccanti è risultato associato ad un ridotto rischio di fratture di qualsiasi tipo ( HR=0,57 ), dopo aggiustamenti per età, sesso.
Dopo aggiustamento per indice di massa corporea ( BMI ) e anni di istruzione è stata osservata solo una lieve attenuazione della relazione ( HR=0,60 ), ed un ulteriore aggiustamento per una serie di fattori di rischio non ha modificato l’associazione ( HR=0,60 ).

In conclusione, l’uso dei beta-bloccanti è risultato associato ad un ridotto rischio di fratture nei soggetti di mezza età ed anziani.( Xagena2007 )

Meisinger C et al, Osteoporos Int 2007; 18: 1189-1195


Endo2007 Farma2007


Indietro