Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Gastrobase.it

Risedronato in bambini con osteogenesi imperfetta


Bambini con osteogenesi imperfetta sono spesso trattati con bifosfonati per via endovenosa.

È stato condotto uno studio per valutare sicurezza ed efficacia di Risedronato ( Actonel ), un bifosfonato di terza generazione somministrato per via orale, in bambini con questa malattia.

Nello studio multicentrico, randomizzato, parallelo, in doppio cieco e controllato con placebo, bambini di età compresa tra 4 e 15 anni con osteogenesi imperfetta e aumentato rischio di fratture sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 2:1 a ricevere quotidianamente Risedronato ( 2.5 o 5 mg ) oppure placebo per 1 anno.

Pazienti, ricercatori e personale del Centro non erano a conoscenza dei gruppi di assegnazione nella fase di trattamento.

In seguito, tutti i bambini hanno ricevuto Risedronato per 2 ulteriori anni nel corso di una fase di estensione in aperto.

L’endpoint primario di efficacia era il cambiamento percentuale nella densità minerale ossea nell’area della colonna lombare a 1 anno.

Le analisi sono state condotte sulla popolazione per intention-to-treat, che includeva tutti i pazienti randomizzati e che avevano assunto almeno una dose del trattamento previsto dallo studio.

Su 147 pazienti, 97 sono stati assegnati in maniera casuale al gruppo Risedronato e 50 al gruppo placebo.

Tre pazienti nel gruppo Risedronato e 1 nel gruppo placebo non hanno ricevuto il trattamento previsto, lasciando 94 e 49 pazienti nella popolazione per intention-to-treat, rispettivamente.

L’incremento medio nella densità minerale ossea della colonna lombare dopo 1 anno è stato 16.3% nel gruppo Risedronato e 7.6% nel gruppo placebo ( differenza 8.7%, p inferiore a 0.0001 ).

Dopo 1 anno, le fratture cliniche si sono presentate in 29 ( 31% ) dei 94 pazienti del gruppo Risedronato e 24 ( 49% ) dei 49 pazienti nel gruppo placebo ( p=0.0446 ).

Durante gli anni 2 e 3 ( fase in aperto ), sono state riportate fratture cliniche in 46 ( 53% ) degli 87 pazienti nel gruppo trattato con Risedronato sin dall’inizio dello studio e 32 ( 65% ) dei 49 pazienti nel gruppo assegnato a placebo nel primo anno.

I profili di eventi avversi sono risultati simili tra i 2 gruppi, incluse le frequenze riferite di eventi avversi del tratto gastrointestinale superiore e muscoloscheletrici selezionati.

In conclusione, Risedronato per via orale ha aumentato la densità minerale ossea e ha ridotto il rischio di fratture cliniche prime e ricorrenti in bambini con osteogenesi imperfetta, e il farmaco è risultato generalmente ben tollerato.
Risedronato dovrebbe essere preso in considerazione come opzione di trattamento per i bambini con osteogenesi imperfetta. ( Xagena2013 )

Bishop N et al, Lancet 2013; 382: 1424-1432

Endo2013 Pedia2013 Farma2013


Indietro